11.03.2019

Open : Arcene promosso in serie A

– L’Arcene disputerà il prossimo campionato della serie A open. L’ufficialità della notizia è stata resa nota nella serata di venerdì dalla Federtamburello dopo essere stata costretta a una totale rivoluzione dei due maggiori campionati per la rinuncia dell’alessandrina Real Cerrina al torneo di serie B.  In origine erano infatti, previsti un torneo di serie A con undici squadre e quello della serie B articolato in due gironi di qualificazione da sette squadre. La rinuncia della Real Cerrina, ha modificato i numeri delle formazioni in campo (11 in A e 13 in serie B) e la Federtamburello, sentito il parere favorevole della maggioranza delle società, ha deciso di modificare la struttura dei due campionati con la partecipazione di dodici squadre in ognuno.

Inizialmente il posto in serie A è stato proposto al Castiglione delle Stiviere in virtù del terzo ottenuto nel campionato 2018 della serie B. La società mantovana ha però declinato l’invito, mentre l’Arcene (quarto) ha dato la sua disponibilità coronando cosi il sogno della promozione che ha mancato per un non nulla negli ultimi  due anni.

Oltre a l’Arcene in serie A, la nostra provincia quest’anno sarà presente nei campionati nazionali con quattro formazioni in B: Bonate Sopra, Castelli Calepio, Ciserano e la neo promossa Dossena.  Entrambi i campionati inizieranno domenica 24 marzo.

Cosi la serie A: Cavaion (campione d’Italia), Castellaro, Cavrianese, Ceresara, Cereta, Chiusano d’Asti, Cremolino, Guidizzolo, Sabbionara, Solferino, Sommacampagna e Arcene.

Cosi la serie B: Bardolino, Besenello, Bonate Sopra, Castelli Calepio, Castiglione delle Stiviere, Ciserano, Dossena, Fontigo, Noarna, Palazzolo Veronese, Settimo e Tuenno.

 

Serie A  –  Battesimo vincente per la squadra di Gatti, battuto il Castellaro nella finale del torneo Danieli

CASTELLARO-ARCENE 1-2 (2-6,6-2; t.b. 9-11)

CASTELLARO: Manuel Festi, Alessandro Merighi, Luca Festi, Niki Ioris, Pietro Ghizzi, Federico Gasperetti,  Samuele Fiorini. Dt.  Luca Baldini.

ARCENE: Enrico Bertagna, Lorenzo Bertagna, Gabriele Weber, Mattia Barbazzeni, Stefano Cozza, Matteo Weber, Christian Gatti, Andrea Agosti. Dt. Diego Gatti.

ARBITRI: Gianni Rizzi, Francesco Vicari, Miriam Sogliani.

NOTE: 1° set: 0-2,2-2,2-4,2-6; 2° set: 2-0,3-1,4-2,6-2; t.b. 9-11. Durata 210’.

CASTELLARO – Battesimo vincente dell’Arcene nella serie A. Promossa a tavolino venerdì scorso dalla FIPT per la nota vicenda della riformulazione dei campionati di cui sopra, la squadra del presidente Gatti ha vinto  la finale del Trofeo HBS 34° Memorial Irene Danieli, battendo i vice campioni d’Italia del Castellaro sul loro terreno di gioco. C’è riuscita per 11 a 9 dopo un interminabile tie-break a conclusione di una gara divertente e insaporita ulteriormente nel finale dalla suspense per l’incertezza della soluzione finale.

I due set regolamentari sono terminati per 6 a 2. Il primo l’ha vinto l’Arcene dopo una parziale di 2 pari,  il successivo dal Castellaro. Nei “quindici” supplementari i biancoazzurri orobici hanno fatto la differenza nel punteggio mostrando una maturità agonistica e una determinazione all’altezza dei forti padroni di casa. Due peculiarità che se confermeranno nell’ormai prossimo campionato (si inizia il 24 marzo), gli varranno sicuramente uno posto di rilevo nella futura classifica.

 

Serie A indoor femminile – Dopo il campionato il Nave San Rocco firma anche la Coppa Italia

– Dopo lo scudetto le trentine del Nave San Rocco si cuciono sulle maglie anche la “coccarda” tricolore vincendo, come da pronostico, la Coppa Italia indoor. Il torneo è stato disputato ieri nel palazzetto dello sport di Madone (Bergamo) dalle  prime quattro squadre classificate nel campionato. Nelle due semifinali il Nave San Rocco ha superato per 13 a 5 le sarde dell’Aeden San Giusta (quarte nel campionato), mentre le trentine del Mezzolombardo (terze) hanno sconfitto per 13 a 10 le astigiane della  Monalese.

Nella finalina di consolazione l’Aeden San Giusta ha superato per 13 a 12 la Monalese al termine di un confronto deciso nell’ultimissimo game. Combattuttissima è stata pure la finale tutta di marca trentina, vinta dal Nave San Rocco per 13 a 11 con il Mezzolombardo.